Nel caso di omessa consegna del foglio informativo analitico (non avendo nel caso di specie le Poste  fornito alcuna prova dell’adempimento di un siffatto obbligo) la parte ricorrente ha diritto di essere risarcita dal danno subito, costituito dal capitale versato oltre gli interessi legali.

Con questo principio l’Arbitrato Bancario Finanziario (Collegio di Roma) con due recenti decisioni la n.23765/2021 e la n.23766/2021 del 21.11.2021,  ancora una volta, ha riconosciuto ad alcuni risparmiatori, assistiti dall’avvocato Francesco Giancristofaro dello Studio Legale La Morgia, il diritto al risarcimento del danno in un importo pari al capitale investito in caso di buoni postali fruttiferi prescritti, ma emessi dalle Poste Italiane in violazione degli obblighi informativi e di trasparenza nonché in ragione della mancata consegna del foglio informativo analitico.Tali decisioni sono conformi al principio già rilevato dal Collegio di Coordinamento, con decisione n. 17814 del 10 luglio 2019, secondo il quale “la mancata consegna al sottoscrittore al momento dell’acquisto deibuoni del Foglio Informativo non impedisce all’intermediario di eccepire,allorché ne venga richiesto il pagamento, l’intervenuta prescrizione, salvatuttavia la possibilità, di domandare il risarcimento del danno per la violazionedella normativa di trasparenza e l’inottemperanza al dovere di informazione”.

I ricorrenti credevano che fossero buoni postali ordinari, di quelli che solitamente durano 20 o 30 anni. Invece, al momento della riscossione, si sentirono dire che erano prescritti.
A quel punto si è reso necessario ricorrere all’Arbitro bancario finanziario, che è un organismo di risoluzione stragiudiziale delle controversie presso la Banca d'Italia, per contestare il diniego al rimborso dei buoni postali per prescrizione.

Alla luce delle richiamate decisioni si può affermare che se il buono non riporta alcuna indicazione sulla data di scadenza e l’intermediario ha omesso la consegna del foglio informativo, il risparmiatore avrà concrete possibilità di ottenere almeno una tutela risarcitoria. 

 

Il presente sito utilizza i "cookie" per il suo funzionamento e per facilitarne la navigazione.