News

 MARCHIO LA MORGIA

 

Il Decreto-Legge n. 23 dell’8 aprile 2020 pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 94 dell’8 aprile 2020 e in vigore dal 9 aprile 2020, c.d. Decreto Liquidità, tra i numerosi interventi emergenziali a favore delle imprese, ha disposto anche una serie di deroghe ad alcune disposizioni del Codice Civile.

L'art. 6 del suddetto decreto prevede la sospensione degli obblighi previsti dalla normativa civilistica in tema di perdita del capitale sociale, onde consentire alle imprese di limitare gli effetti del lockdown, di evitare le procedure di messa in liquidazione, nonché di escludere per gli amministratori ipotesi di responsabilità gestoria ai sensi dell'art. 2486 c.c.

Infatti, alle società di capitali, alle società cooperative e ai consorzi, fino al 31 dicembre 2020 non si applicheranno gli articoli 2446, commi secondo e terzo (Riduzione del capitale per perdite), 2447 (Riduzione del capitale sociale al di sotto del limite legale), 2482-bis, commi quarto, quinto e sesto (Riduzione del capitale per perdite) e 2482-ter (Riduzione del capitale al disotto del minimo legale) e nello stesso arco temporale non opererà la causa di scioglimento della società per riduzione o perdita del capitale sociale prevista dagli articoli 2484 e 2545-duodecies c.c.

Pertanto, la normativa soggetta a deroghe, secondo il Decreto Liquidità, è la seguente:

- Art. 2446, commi secondo e terzo c.c. (Riduzione del capitale per perdite): 
“[…] Se entro l’esercizio successivo la perdita non risulta diminuita a meno di un terzo, l'assemblea ordinaria o il consiglio di sorveglianza che approva il bilancio di tale esercizio deve ridurre il capitale in proporzione delle perdite accertate. In mancanza gli amministratori e i sindaci o il consiglio di sorveglianza devono chiedere al tribunale che venga disposta la riduzione del capitale in ragione delle perdite risultanti dal bilancio. Il tribunale provvede, sentito il pubblico ministero, con decreto soggetto a reclamo, che deve essere iscritto nel registro delle imprese a cura degli amministratori. 
Nel caso in cui le azioni emesse dalla società siano senza valore nominale, lo statuto, una sua modificazione ovvero una deliberazione adottata con le maggioranze previste per l'assemblea straordinaria possono prevedere che la riduzione del capitale di cui al precedente comma sia deliberata dal consiglio di amministrazione. Si applica in tal caso l'articolo 2436”. 

- Art. 2447 c.c. (Riduzione del capitale sociale al di sotto del limite legale): 
“[…] gli amministratori o il consiglio di gestione e, in caso di loro inerzia, il consiglio di sorveglianza devono senza indugio convocare l'assemblea per deliberare la riduzione del capitale ed il contemporaneo aumento del medesimo ad una cifra non inferiore al detto minimo, o la trasformazione della società”. 

- Art. 2482-bis, commi quarto, quinto e sesto c.c. (Riduzione del capitale per perdite): 
“[…] Se entro l'esercizio successivo la perdita non risulta diminuita a meno di un terzo, deve essere convocata l'assemblea per l'approvazione del bilancio e per la riduzione del capitale in proporzione delle perdite accertate. In mancanza gli amministratori e i sindaci o il soggetto incaricato di effettuare la revisione legale dei conti nominati ai sensi dell'articolo 2477 devono chiedere al tribunale che venga disposta la riduzione del capitale in ragione delle perdite risultanti dal bilancio. Il tribunale, anche su istanza di qualsiasi interessato, provvede con decreto soggetto a reclamo, che deve essere iscritto nel registro delle imprese a cura degli amministratori. Si applica, in quanto compatibile, l'ultimo comma dell'articolo 2446”. 

- Art. 2482 ter c.c. (Riduzione del capitale al disotto del minimo legale): 
“Se, per la perdita di oltre un terzo del capitale, questo si riduce al disotto del minimo stabilito dal numero 4) dell'articolo 2463, gli amministratori devono senza indugio convocare l'assemblea per deliberare la riduzione del capitale ed il contemporaneo aumento del medesimo ad una cifra non inferiore al detto minimo. È fatta salva la possibilità di deliberare la trasformazione della società”. 

- Art. 2484 c.c. (Cause di scioglimento): 
“Le società per azioni, in accomandita per azioni e a responsabilità limitata si sciolgono: […] 4) per la riduzione del capitale al disotto del minimo legale, salvo quanto è disposto dagli articoli 2447 e 2482-ter; […]”. 

- Art. 2545-duodecies c.c. (Scioglimento): 
“La società cooperativa si scioglie per le cause indicate ai numeri 1), 2), 3), 5), 6) e 7) dell'articolo 2484, nonché per la perdita del capitale sociale”. 

Il D.L. del 17.03.2020 (c.d. Decreto Cura Italia), in particolare all'art. 106, ha previsto una disciplina derogatoria in relazione ai termini e alle modalità di svolgimento delle assemblee societarie per l'approvazione del bilancio.

Infatti, la suddetta normativa stabilisce che la convocazione  dell'assemblea per l'approvazione del bilancio 2019 deve avvenire entro 180 giorni dalla chiusura dell'esercizio, derogando così a quanto previsto dall'art.2364, secondo comma, c.c. secondo cui “l'assemblea ordinaria deve essere convocata […] entro il termine stabilito dallo statuto e comunque non superiore a centoventi giorni dalla chiusura dell'esercizio sociale” e dall’art. 2478 bis, c.c. ai sensi del quale “il bilancio […] è presentato ai soci entro il termine stabilito dall'atto costitutivo e comunque non superiore a centoventi giorni dalla chiusura dell'esercizio sociale”.
In sostanza, il Decreto ha previsto un rinvio di due mesi per le società di capitali che devono convocare l'assemblea per l'approvazione del bilancio.

La normativa in esame, inoltre, ha stabilito, anche in deroga alle disposizioni statutarie, che l'espressione del voto sia in assemblea ordinaria, sia in assemblea straordinaria, possa avvenire in via elettronica o per corrispondenza e che l'intervento in assemblea possa essere effettuato mediante mezzi di telecomunicazione. Infatti, non è necessaria la presenza fisica del partecipante a condizione che sia possibile garantire la sua identità e senza, in ogni caso, la necessità che si trovino nel medesimo luogo, ove previsti, il presidente, il segretario o il notaio.

Per quanto riguarda le S.r.l., infine, l'art. 106 ha previsto anche che l’espressione del voto possa avvenire mediante consultazione scritta o per consenso espresso per iscritto, potendosi derogare a quanto previsto dall’articolo 2479 e alle disposizioni statutarie.

La responsabilità degli enti ex D.lgs. 231/2001 è un tema ancora poco sentito dalle imprese del nostro territorio, soprattutto da quelle di medie e medio-piccole dimensioni.

Per comprendere ciò è sufficiente rendersi conto che solo uno scarso numero di imprese ha adottato un Modello Organizzativo e ancor meno imprese provvedono all’aggiornamento del Modello.

Ebbene, anche la pandemia di Covid-19 può incidere sulla responsabilità dell’impresa ai sensi della suddetta normativa.

In che modo?

L’imputabilità della società potrebbe derivare dalla violazione dell’art. 25 septies del D.lgs. 231/2001 “Omicidio colposo o lesioni gravi o gravissime commesse con violazione delle norme sulla tutela della salute e sicurezza sul lavoro”che prevede come reati presupposto l’omicidio colposo (art. 589 c.p.) e le lesioni personali colpose gravi o gravissime (art. 590 c.p.) commessi in violazione delle norme a tutela dell’igiene e della sicurezza sul lavoro, come ad esempio l’omessa o insufficiente sorveglianza di cui alla normativa D.lgs. 81/2008.

In quest’ottica l’aggiornamento del DVR potrebbe non essere sufficiente, ma risulta di fondamentale importanza il ruolo del medico competente per stabilire e pianificare le misure di contenimento e di prevenzione necessarie da attuare, oppure potrebbe essere utile limitare allo stretto necessario gli spostamenti dei dipendenti, favorire, ove possibile, lo smart working, organizzare con modalità sicure l’incontro in azienda con fornitori e consulenti, nonché fornire ai dipendenti strumenti di prevenzione idonei.

In tale contesto, inoltre, è necessaria una verifica attenta e costante, da parte dell’Organismo di Vigilanza, delle misure adottate dall’azienda e dalla loro efficacia rispetto alla prevenzione del rischio di contagio.

I vari Decreti che si sono susseguiti in queste settimane, tutti volti a prevenire ed a contrastare la diffusione dell’epidemia del Covid-19, hanno introdotto misure restrittive della circolazione delle persone, la sospensione di talune attività e hanno disposto la chiusura di diversi esercizi commerciali.

Ebbene, tali misure potrebbero avere un impatto anche sui contratti pendenti, in conseguenza dell’incapacità di una parte, o di entrambe le parti, di adempiere le proprie obbligazioni o di riceverle.

Infatti, gli istituti giuridici applicabili nei suddetti casi potrebbero essere:

a)   art. 1256 c.c., impossibilità sopravvenuta definitiva di adempiere per factum principis, essendo sopravvenute disposizioni legislative che, al fine di tutelare la salute pubblica, impongono prescrizioni e/o divieti che comportano l’impossibilità per una delle parti di adempiere l’obbligazione per cause non imputabili alla volontà del contraente;

b)   art. 1256 c.c., impossibilità temporanea di adempiere, in tal caso il debitore non può essere ritenuto responsabile del ritardo nell’adempimento finchè dura l’impossibilità temporanea.
Nell’ipotesi in questione, il rapporto contrattuale entra in una sorta di sospensione che deve “riattivarsi” qualora l’impossibilità venga meno, a condizione che il creditore abbia ancora interesse alla prestazione o che, in base alla natura dell’oggetto dedotto nel contratto, il debitore debba ancora essere ritenuto obbligato alla prestazione;

c)    art. 1467 c.c., eccessiva onerosità della prestazione, il debitore ha la possibilità di richiedere la risoluzione del contratto se la prestazione, per cause straordinarie ed imprevedibili, divenga eccessivamente onerosa;

d)   forza maggiore, concetto non disciplinato dal Codice Civile, ma rimedio frequentemente utilizzato nella contrattualistica sia nazionale, sia internazionale.
La forza maggiore è intesa in dottrina come un evento di una forza tale al quale non è oggettivamente possibile resistere. Tale evento, per la sua forza intrinseca determina la persona a compiere un atto positivo o negativo in modo necessario ed inevitabile. Alla pari del caso fortuito, rileva quale causa di esonero da responsabilità.

La suddetta sintetica analisi vuole semplicemente illustrare quali possono essere i risvolti giuridici, per quanto concerne i contratti pendenti, della normativa conseguente alla diffusione del Covid-19.
Ovviamente, è necessario valutare attentamente caso per caso per poter considerare applicabile al contratto in essere uno degli istituti giuridici analizzati.

 

 

La normativa in tema di locazione prevede che, in caso di cessione del contratto per le locazioni ad uso diverso da abitazione, il proprietario nulla possa eccepire a tal proposito, dovendo sostanzialmente “subire” la predetta cessione.

Ad ogni buon conto, la Corte di Cassazione, con una recente sentenza di novembre 2019 (n. 28809/2019) ha affermato che, in ipotesi di cessioni plurime del contratto, il conduttore originario non è mai liberato nei confronti del proprietario per i debiti dei cessionari, anche ove il contratto si sia rinnovato (dopo i dodici anni) solo l’ultimo di essi.

Nella citata sentenza, la Suprema Corte torna ad affermare un indirizzo granitico nella giurisprudenza di legittimità secondo cui “in caso di cessione (o locazione) di azienda, con contestuale cessione del contratto di locazione dell'immobile nel quale l'azienda è esercitata, la disciplina recata dalla predetta norma (deviando in parte da quella generale di cui all'art. 1408 c.c.) comporta che, se il locatore non può opporsi alla sublocazione o alla cessione del contratto di locazione, unitamente alla cessione o locazione dell'azienda, tuttavia lo stesso può contare sul protrarsi della responsabilità del cedente per il pagamento del canone, nel caso di inadempimento del cessionario, salvo che egli stesso dichiari espressamente di liberarlo(Cass. Civ. n. 19531/2015).”

Sostiene, inoltre la Corte, che “in caso di plurime cessioni a catena, caratterizzate ciascuna dalla dichiarazione di non liberazione dei distinti cedenti, si viene a configurare, tra tutti i cedenti "intermedi" del contratto stesso (compreso il primo), un vincolo di corresponsabilità, rispetto al quale, in assenza di qualsivoglia limitazione ex lege, deve ritenersi normalmente applicabile la regola generale della presunzione di solidarietà (prevista dall'art. 1294 c.c.), in virtù della quale tutti i cedenti (a loro volta cessionari) non liberati dal locatore risponderanno (a prescindere dal numero delle cessioni), in solido tra loro, dell'obbligazione inadempiuta dall'attuale conduttore (Cass. 20/04/2007), con la precisazione che, pertanto, la mera dilatazione temporale del vincolo obbligatorio per l'intervenuta rinnovazione tacita del contratto (come avviene, di solito, nelle plurime cessioni a catena) non è circostanza tale da sterilizzare l'operatività della L. n. 392 del 1978, art 35  (Cass. ord., 20/0372018, n. 6864), rimarcandosi che l'avvenuta rinnovazione tacita del contratto di locazione, in quanto tale, non comporta la nascita di un nuovo contratto ma solo la prosecuzione del precedente e tale ultima questione attiene al diritto e non ad un accertamento in fatto, come invece sostenuto di controricorrenti.”

I suddetti principi, infatti, mirano a rafforzare la tutela del proprietario, atteso che la normativa in materia di locazioni commerciali sancisce l’irrilevanza del suo consenso nella cessione del contratto tra l’originario conduttore e il suo cessionario.

Sottocategorie

LO STUDIO

Lo studio nasce a Lanciano nel 1987 dall’iniziativa dell’Avv. Camillo La Morgia ed oggi riunisce professionisti con differenti background e competenze consolidate in una varietà di settori del diritto.

Le metodologie di lavoro adottate dallo Studio si caratterizzano per un approccio fortemente focalizzato su specifiche aree di attività che consente di fornire assistenza e consulenza legale.

La capacità organizzativa e il livello di esperienze consentono allo Studio di gestire anche operazioni complesse, garantendo sempre un lavoro accurato e un saldo rapporto fiduciario tra il singolo professionista e il cliente.

Professionisti

AVVOCATO FONDATORE
CAMILLO LA MORGIA

AVVOCATO
SUPERIA SILVANA BUTERA

AVVOCATO
ANGELA GIANCRISTOFARO

AVVOCATO
FRANCESCO GIANCRISTOFARO

AVVOCATO
MARIO LA MORGIA

AVVOCATO ECCLESIASTICO
MARIACONCETTA LA MORGIA

PSICOLOGA PSICOTERAPEUTA
LICIA FANTINI

Contatti

fb

 

Contattaci ai seguenti recapiti


Via per Fossacesia n. 38 - 66034 LANCIANO

Via Vetere n. 7 - 20123 MILANO


0872 71 07 70

 
328 7010222 

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

 

Privacy Policy

Il presente sito utilizza i "cookie" per il suo funzionamento e per facilitarne la navigazione.